Stagione Teatrale 2022 NORMALITÈ - Teatro di Anghiari

Che se ne fa uno della normalità in tempi come questi?

Ricordate quella noia h24 tutta occidentale? Rapporti noiosi, panorami sempre uguali, spettacoli noiosi che-ci-vado-per-forza, tanto dormire a teatro o a casa è uguale. Parafrasando un grande filosofo del ‘900: “I’m so bored with this world”. E invece…  Ci sarebbe tanto bisogno di “Normalité” (scritto in francese, perché se c’è una cosa da salvare della Francia, sono i suoi “-té”). Può un Teatro pieno di persone, donne, uomini e ragazzi ridarci un po’ della speranza e della vita che ci è stata tolta, che ci viene tolta ogni giorno? La risposta la darete voi. Si usa dire che la vita è un circo, e proprio dalla residenza di un circo cominciamo la prima stagione dal vivo dopo due anni, dopo una pandemia e una guerra vicina (perché di quelle lontane, ce ne siamo sempre fregati abbastanza, no?). Storie gioiose o dolorose, acrobazie e gente seduta a un tavolo. Parrucche e capelli veri, unghie denti e sorrisi. Danza. Cose “normali” insomma…

 
Andrea Merendelli – Direttore Artistico del Teatro di Anghiari
 
Condividi e spargi la voce!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Spettacolo adatto a bambini fra gli 8 e i 100 anni

20 marzo

ORE 17,30

MyLaika! Kunst Cirque

WINTER

(WORK IN PROGRESS)

con Side Kunst Cirque / MyLaika

con Philine Dahlmann, Salvatore Frasca, Edoardo Demontis, Maristella Tesio

Tecnica Manue Guilbert

Coordinazione Nico Agüero

Assistente di creazione Giacomo Martini

My!Laika è una compagnia circense fondata nel 2008 che crea collage tridimensionali e assurdi di movimento, musica e immagine. I loro spettacoli si rivelano lunghe catene di associazione distorte, che collocando le loro discipline e le loro condizioni musicali in un contesto teatrale amorale, evitando la narrazione lineare e la comprensione immediata. 

SINOSSI

I muri del corridoio lungo e nero erano tappezzati da quadri e stampe che raffiguravano l’edificio nelle varie epoche. (Tutto era particolarmente insolito). Avresti avuto voglia di esaminarli uno per uno ma non potevi distrarti lungo il lungo corridoio che portava alla stanza del pianoforte. 

Che emozione si presenta alla vista del ritratto? Il grande quadro ad olio che ritrae l’Infelice, che con la mano tremante regge, fuori dalla vista, al di sotto della cornice, la pistola carica. Nel suo volto sono dipinti sentimenti e tutte le angosce di un mondo senza speranza, che si scioglie sin dalla sua genesi come un gelato al sole: gelida lei, sembra stia per augurare buon viaggio al suo più caro amico.

INGRESSO UNICO: 10,00 €

OMAGGIO IN ABBONAMENTO

17 marzo

ORE 21,00

PROIEZIONE SPECIALE

TRASPOSIZIONE CINEMATOGRAFICA dello Spettacolo di Teatro-Circo

POPCORN MACHINE

INGRESSO UNICO: 5,00 €

Danza Miss Lala al Circo Fernando - Marigia Maggipinto e Chiara Frigo - Sala Audiovisivi Stagione Teatrale 2022

SALA AUDIOVISIVI DI ANGHIARI

26 marzo

ORE 20.30 e 21.30

27 marzo

ORE 16.30 e 17.30

Chiara Frigo
Marigia Maggipinto

Miss Lala al circo fernando

SINOSSI

Miss Lala al Circo Fernando è una performance che vede come protagonista Marigia Maggipinto, storica interprete della compagnia del Tanztheater di Wuppertal.

Come agli albori del Circo, gli spettatori si avventurano in uno spazio intimo per vedere da vicino “il diverso”, “il fenomeno”, nel nostro caso per la sua lunga esperienza di lavoro e di vita con Pina Bausch. Viene offerta una scelta di foto, un archivio vivente dal quale le persone del pubblico possono attingere. Frammenti, memorie, aneddoti, una replica a New York che non si può dimenticare e altre suggestioni. In base alla scelta istintiva delle persone, Marigia compone un racconto in tempo reale, in cui a tratti riemerge la sua danza. Non si tratta di commemorare, ma di rivivere ad ogni diversa sollecitazione quel bagaglio di esperienza artistica e umana.

Lo chapiteau di Miss Lala è una dimora calda, accogliente, in cui gli ospiti sono seduti attorno a un tavolo imbandito di foto e di scritti. È la sintesi del viaggio di un’interprete rara e preziosa, tutta da riscoprire, tra danza, teatro e narrazione, votata a decollare in un “numero di alto equilibrismo”.

FUORI ABBONAMENTO INGRESSO UNICO: 5,00 €

9 aprile

ORE 21.00

romina mondello

amami o cado

di Giovanna Mori

Regia Giovanna Mori

Romina Mondello è un’attrice sensibile e generosa. Pronta a mettersi in gioco su una scena  quasi vuota. Sentimentale, lieve, buffa. Bella. Una specie di Gelsomina metropolitana, che  passa da un letto d’amore a una balera di periferia dove anziane casalinghe ballano alligalli ferocemente allegri anche e soprattutto  per mandare un po’ affanculo la morte che  sta li  dietro le loro, le nostre porte. 

SINOSSI

Amami o cado è il racconto di una storia d’amore. Racconto per parole che diventano immagini per immagini che  diventano emozioni. Storia che potrebbe essere successa a tutti che forse non è ancora successa a nessuno. Storia giocata, tra il vero e il falso e il falso e il vero. È la storia di Rosa che ha raccontato quella giornata d’amore alla regista e all’attrice perché ha ancora tutto nella sua mente. 

Loro non potevano crederci, ma Rosa non dice bugie. Per essere sicure di quello che avevano ascoltato prima di raccontarlo, le due sono andate a cercare le prove. Le hanno trovate tutte. Al Motel, al Capannone, al negozio di regali. Al negozio dove lavora Rosa. Tutto vero. Confermato. Giorno. Ora. Agenzia. E allora hanno pensato che la vita è più forte pure della morte. Rosa, la nostra protagonista direbbe – senza dirlo perché lei vive ma non sa-: Guarda che è l’amore che è più forte della morte. Ed è per questo hanno deciso di raccontare questa storia. 

INGRESSO: Intero 15,00€
Ridotto 10,00€ (soci Teatro / under18 / over65)

23 aprile

ORE 21.00

studio

un discreto protagonista

Concetto e direzione 

Alessandra Paoletti, Damiano Ottavio Bigi

con 

Damiano Ottavio Bigi, Lukasz Przytarski

SINOSSI

La ricerca si è mossa attorno a una domanda: cos’è il vuoto? Il vuoto in quanto stato fisico, ma anche in termini esistenziali, e il vuoto nell’atto creativo. Il tema del vuoto, da cui gli artisti erano incoscientemente attratti e nel quale ci sono ritrovati immersi durante questa pandemia, ha iniziato a chiarirsi e a concretizzarsi attraverso un’esplorazione delle recenti scoperte nel campo della fisica sulle origini dell’universo.

Hanno rivolto il loro sguardo alla scienza, che nel corso dei secoli ha elaborato idee diverse, mutando di volta in volta la realtà, influenzando una visione del mondo, e riplasmando il nostro modo di percepirci, relazionarci e raccontarci. Questa esplorazione li ha condotti all’interno di due mondi solo apparentemente distanti: uno più matematico, legato agli aspetti scientifici, e uno più umano, connesso a una cultura remota, attraverso i miti fondativi. Le scoperte sulle origini dell’universo hanno ispirato la linea narrativa del loro lavoro, che si nutre anche di altre storie, legate a differenti mitologie. Hanno lavorato sul tempo, sul vuoto, il pieno, il denso e il rarefatto; sulla possibile relazione tra due figure attraverso rapporti geometrici e astratti, che si sono resi conto governare il macroscopico come il microscopico. Due figure che entrano in relazione, e poi in collisione, sviluppando rapporti e percorsi che si uniscono, separano o sovrappongono continuamente, in un gioco di riflessione e rispecchiamento che li ha condotti nella dimensione simbolica del doppio. Questo lavoro ha sollecitato una narrazione, che va al di là di una storia visibile: danza pura e frammenti di narrazione irrompono attraverso immagini legate ad alcune fra le storie più antiche, come pezzi di un’unica storia.

INGRESSO: Intero 15,00€
Ridotto 10,00€ (soci Teatro / under18 / over65)

30 aprile

ORE 21.00

fabrizio gifuni

con il vostro irridente silenzio

Studio sulle lettere dalla prigionia e sul memoriale di Aldo Moro

Ideazione e drammaturgia Fabrizio Gifuni

 

SINOSSI

Aldo Moro durante la prigionia parla, ricorda, scrive, risponde, interroga, confessa, accusa, si congeda. Moltiplica le parole su carta: scrive lettere, si rivolge ai familiari, agli amici, ai colleghi di partito, ai rappresentanti delle istituzioni; annota brevi disposizioni testamentarie. E insieme compone un lungo testo politico, storico, personale – il cosiddetto memoriale – partendo dalle domande poste dai suoi carcerieri. 

Le lettere e il memoriale sono le ultime parole di Moro, l’insieme delle carte scritte nei 55 giorni della sua prigionia: quelle ritrovate o, meglio, quelle fino a noi pervenute.  Un fiume di parole inarrestabile che si cercò subito di arginare, silenziare, mistificare, irridere. Moro non è Moro, veniva detto. La stampa, in modo pressoché unanime, martellò l’opinione pubblica sconfessando le sue parole, mentre Moro urlava dal carcere il proprio sdegno per quest’ulteriore crudele tortura. A distanza di quarant’anni il destino di queste carte non è molto cambiato. Poche persone le hanno davvero lette, molti hanno scelto di dimenticarle.

I corpi a cui non riusciamo a dare degna sepoltura tornano però periodicamente a far sentire la propria voce. Le lettere e il memoriale sono oggi due presenze fantasmatiche, il corpo di Moro è lo spettro che ancora occupa il palcoscenico della nostra storia di ombre. Dopo aver lavorato sui testi pubblici e privati di Carlo Emilio Gadda e Pier Paolo Pasolini, in due spettacoli struggenti e feroci, riannodando una lacerante antibiografia della nazione, Fabrizio Gifuni attraverso un doloroso e ostinato lavoro di drammaturgia si confronta con lo scritto più scabro e nudo della storia d’Italia.

INGRESSO: Intero 15,00€
Ridotto 10,00€ (soci Teatro / under18 / over65)

Con il sostegno della Regione Toscana e Il Moderno di Agliana 

14 maggio

ORE 21.00

la vita ha un dente d'oro

con 

Francesco Pennacchia, Gianluca Stetur

Drammaturgia Rita Frongia

Regia Claudio Morganti  

SINOSSI

La vita ha un dente d’oro è un’antica espressione bulgara che non trova corrispondenza idiomatica nella nostra lingua. Oggi l’espressione non è più in uso ma pare venisse utilizzata per alludere al fatto che in tutto ciò che è vero c’è sempre un artifizio, una menzogna, un’alterazione d’organi. Ma è anche vero che le cose, a volte, sono proprio come sembrano.

Uno spettacolo di archeologia teatrale. Alle origini del gioco. Laddove nasce la tradizione ormai perduta. Il gusto ed il piacere della vera finzione. Quella autentica. Quella che privilegia il gioco e la santa idiozia. La fede nell’arte del fallimento. Insomma, signori, potrete vedere due attori. Certamente il gradino più basso dell’umanità, ma pur sempre due persone, due esseri, due esemplari di una specie in via d’estinzione. Fatta oggetto da qualche anno a questa parte, come ben sapete, di una caccia spietata. Coloro tra voi che ne sono ignari si chiederanno il perché. Perché mai questo accanimento? Forse per la pelle? Per i denti e le unghie? Per gustarne il rinomato fegato all’alcol? No signori. Le carcasse degli attori vengono semplicemente lasciate marcire al sole, soltanto dopo, però, aver tratto godimento dal loro dolore in seguito ad una qualsiasi frase irrispettosa nei loro confronti. Come, per esempio: «ma insomma basta con gli attori!». Ecco, una semplice frase come questa può produrre danni devastanti nella fragile ed aerea natura di questa specie. 

E noi ne abbiamo individuato due esemplari apparentemente ancora in buono stato. 

INGRESSO: Intero 15,00€
Ridotto 10,00€ (soci Teatro / under18 / over65)

Abbonamento Stagione Teatrale Anghiari 2022 NORMALITÈ - Abbonamento Teatro di Anghiari

Abbonamento alla Stagione

50
00
dal 17 marzo al 14 maggio
  • 5 Biglietti per 5 spettacoli
  • + Proiezione Circo del 17 marzo in omaggio